La banda musicale di San Donato detta filarmonica

La prima notizia sulla banda sandonatese, detta Filarmonica, costituita da venti persone, appartenenti a famiglie benestanti e artigiane, la rinveniamo in un verbale comunale del 29 novembre 1865 (1), anno in cui l’amministrazione comunale stanziò in suo favore la somma di lire 425,00 l’anno, valevole per un quinquennio. Nel 1872, però, la società che la gestiva, di cui in quell’anno era direttore Vincenzo Tempesta e amministratori Clementino Musilli e Loreto Tempesta, si sciolse. Il 15 aprile 1873, la giunta comunale, presieduta dal sindaco Carlo Coletti, tenuto conto che negli anni precedenti la banda aveva dato “lustro alla cittadinanza” (2), decise di costituire una nuova società, finanz

Giustino Quadrari - Un sandonatese dimenticato

Giustino Quadrari fu tra le personalità più valenti e stimate della Napoli dei Borbone. Principale interprete dei papiri ercolanensi, nella città partenopea costituisce ancora oggi un valido punto di riferimento per gli studiosi di archeologia. A S. Donato Val di Comino invece, dove nacque e si ritirò dopo l’unità d’Italia, i suoi meriti ancora oggi sono poco conosciuti, anche se l’Amministrazione Comunale, nel 1871, gli intitolò una piazza e pose un suo busto marmoreo con epigrafe nella chiesa di S. Maria e S. Marcello. Nacque il 19 luglio 1802 da Eugenio, che esercitava la professione di notaio,e da Rosalba Tempesta. Di ingegno non comune e di singolare memoria, venne avviato allo studio

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici su
  • Facebook Basic Square

© COPYRIGHT 2017-2020 - ALL RIGHTS RESERVED /// ARCHEOVALLE

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE VAL DI COMINO                    

                                                             SEDE LEGALE: SAN DONATO VAL DI COMINO - VIA DUOMO, 9

INFO@ARCHEOVALLE.COM