Please reload

Post recenti

LE EPIDEMIE A SAN DONATO DAL XVII AL XIX SECOLO

June 15, 2020

1/10
Please reload

Post in evidenza

Santa Costanza, compatrona

August 23, 2017

 

 

Fede e tradizioni, la devozione dei sandonatesi a Santa Costanza.

 

                                                                    di ROSANNA TEMPESTA

 

 

 

 

L'ultima domenica d'agosto, di ogni anno, nel nostro paese si celebra la festa in onore di Santa Costanza compatrona con una solenne processione. Negli anni passati era tradizione arricchire la ricorrenza con un mercatino di pi­gnatte e cipolle, che si teneva durante la matti­nata in piazza della Libertà. Il  corpo della martire cristiana, uccisa con un colpo di spada alla gola, fu portato a San Do­nato dalle catacombe romane di San Callisto nell'anno 1756 e accolto dai nostri antenati "con onori regali".

Il suo vero nome non si conosce, ma i San­donatesi la chiamarono Costanza ispirandosi alle poche parole che si leggevano ancora sul luogo della primitiva sepoltura corroso dal tempo: "Costante in fide...".

Nel 1797 le reliquie, conservate in un'urna di vetro, furono poste sotto l'altare maggiore, al­lora di legno, della chiesa di Santa Maria e San Marcello che proprio in quell'anno era stata re­staurata. Nella relazione della visita pastorale del 1800, redatta dal vescovo Agostino Colaianni, si legge: "Adest etiam in eodem alta­ri...Urna eleganter composita, et Crystallo ap.le anteriore munita, in qua osservatur Corpus Sanctae Constantie Martiris".

Nel 1876, il canonico Rufo organizzò i festeg­giamenti del primo centenario della traslazione alla presenza di "numerosi genti" accorse an­che dai paesi vicini.

Le celebrazioni del secondo centenario si svol­sero nel 1956, dal 26 agosto al 2 settembre, ed ebbero inizio con una solenne processione. Le sacre spoglie, accompagnate da concerto bandistico, furono seguite per tutte le strade della cittadina da un "numerosissimo popolo" richiamato dai manifesti affissi su quasi tutte le facciate delle abitazioni.

Il due settembre, Monsignor Biagio Musto, assistito dal Clero, dal Cerimoniere vescovile, dai medici locali dottor Attilio Tempesta e dottor Tacito Leone e da un Notaio della Curia procedette alla ricognizione del corpo della martire che poi fu ri­posto e sigillato nell'urna di vetro unitamente ad una pergamena sulla quale sono annotati i nomi dei più quotati testimoni dell'avvenimen­to. Sulla piccola urna oggi poggia il capo di una statua supina della Santa.

Nel 1954, l'altare maggiore fu fatto costruire in marmo dalla sig.ra Francesca Coletti, figlia del cavalier Carlo, nel rispetto delle ultime volontà espres­se da suo marito il dott. Umberto Bonaventura, così com'è scritto su una lapide posta sul lato sinistro della costruzione.

 

 

Per l’approfondimento vedi: “Il culto dio Santa Costanza in San Donato Val di Comino, dal 1756 ad oggi", Casamari 2002.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici su
Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square

© COPYRIGHT 2017-2018 - ALL RIGHTS RESERVED /// ARCHEOVALLE

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE VAL DI COMINO                    

                                                             SEDE LEGALE: SAN DONATO VAL DI COMINO - VIA DUOMO, 9

INFO@ARCHEOVALLE.COM